Support & Downloads

Quisque actraqum nunc no dolor sit ametaugue dolor. Lorem ipsum dolor sit amet, consyect etur adipiscing elit.

s f

Contact Info
198 West 21th Street, Suite 721
New York, NY 10010
[email protected]
+88 (0) 101 0000 000
Follow Us
    

InfoMyWeb

 . Digital Marketing  . Sicurezza informatica pochi semplici trucchi anche per chi fa marketing
sicurezza-informatica-marketing-digitale-viterbo

Sicurezza informatica pochi semplici trucchi anche per chi fa marketing

In questo breve e semplice articolo ti svelo perché la sicurezza informatica è importante anche per chi fa marketing.

Non serve essere parte di una grande azienda, anche se gestisci un’attività locale o sei un libero professionista la sicurezza informatica è di basilare importanza per il tuo lavoro.

Stai leggendo questo articolo su uno smartphone o un PC? Hai un account su Facebook o Instagram? Usi WhatsApp e le email?
Immagino avrai risposto “Sì” a tutte, o quasi, queste domande. Adesso dimmi, quali di questi strumenti usi per comunicare con clienti, fornitori o colleghi?
Tutti. Anzi, sicuramente ne utilizzerai molti di più. E se per caso uno di questi strumenti dovesse finire nelle mani sbagliate? Quali danni potrebbe provocare? Perdere la possibilità di cercare nuovi clienti, problemi di reputazione, gestione degli ordini, interrompere la comunicazione con i propri clienti.

Basta un click per mandare in fumo anni di lavoro. Parlane con i tuoi conoscenti, scoprirai che molti ci sono già passati. Purtroppo gli attacchi e le truffe informatiche sono molto più estese di quel che si immagina, e non riguarda solo le multinazionali.

Spesso, con i nuovi clienti, mi rendo conto che manca la cultura base di questo argomento. Le persone frequentemente non si ricordano le proprie password, oppure usano la stessa per ricordarla meglio, non la cambiano mai, non sanno cos’è un password manager o l’autenticazione a due fattori.
Ecco alcuni semplici accorgimenti indispensabili per iniziare a prendere consapevolezza della propria sicurezza informatica.

Conoscere le proprie password

Ho perso il conto di quanti nuovi clienti non fossero a conoscenza delle proprie password per accedere a email o account sulle piattaforme di social network. Ciò comporta diversi problemi per attivare, ad esempio, la gestione dei social media, ma non solo.
Se avessero semplicemente perso il proprio smartphone avrebbero avuto seri problemi a recuperare i propri dati, rubriche telefoniche, accesso ad email e molto altro. La prima regola, quindi, e avere un metodo, o uno strumento, per tenere traccia di tutti i propri account e le proprie password. Più avanti ti suggerirò come.

Password complesse

Il metodo maggiormente utilizzato, ammetto di averlo fatto anche io per molti anni, per ricordarsi la propria password è di averne una sola, da riutilizzare ovunque e possibilmente facile da ricordare. Il nome del figlio o di una persona importante, data di nascita fino ad arrivare a quelle più semplici: 123456, password, proprio nome e via così.
Questo è l’errore più comune ed è il modo per rendere facile la vita a chi volesse attaccare la tua sicurezza.
Soluzione: la password deve essere diversa per ogni utilizzo, deve essere cambiata frequentemente, deve contenere una sequenza di lettere, numeri e caratteri speciali senza alcun senso e lunga oltre gli 8 caratteri. Esempio: a3$BcFhK!#

Password manager

Utilizzando decine di siti, applicazioni, email, social network, app e programmi ed essendo necessario creare una password che assomigli ad un geroglifico, nessuno sarà in grado, ovviamente, di ricordarle tutte. Per ovviare a questo problema esistono dei servizi che si chiamano “Password Manager“: BitWarden, 1Password, NordPass per citante alcuni.

Questi programmi permettono di memorizzare tutte le combinazioni di nome utente/password e una serie di funzionalità aggiuntive come, ad esempio, la generazione automatica di password complesse e casuali, la verifica che le proprie password non siano presenti in qualche archivio di malviventi.
Possono essere usati su smartphone o PC. Molti sono gratuiti e offrono funzionalità aggiuntive a pagamento. Sarà necessario ricordarsi la Master Password, l’unica password impossibile da recuperare e che permette di accedere a tutte le altre.

Autenticazione a due fattori (o più)

Per anni per accedere a molti servizi online, era sufficiente digitare un nume utente e una password. Oggi non è più così. Molti siti, e app necessitano di un controllo aggiuntivo: un codice inviato tramite SMS, oppure generato da una chiavetta (sistema usato da molte banche), riconoscimento facciale, impronta digitale o applicazioni esterne per la generazione automatica di OTP (one time password) come Google Authenticator, LastPass e molti altri.

Queste app generano un pin numerico a tempo per ogni servizio collegato, una volta inserita la password si deve inserire anche il pin. L’utilizzo di questo strumento aumenta di tanto la sicurezza perché anche se un malintenzionato fosse riuscito a conoscere la tua password sarà molto più difficile che sia in possesso anche del generatori di pin.

Conclusioni

Questi sono 5 semplici accorgimenti da adottare subito con uno sforzo minimo ma che miglioreranno di molto la tua sicurezza. Se usi il digital marketing per acquisire nuovi clienti, per comunicare con quelli attuali o, semplicemente, usi strumenti digitali nella tua vita quotidiana è indispensabile prendere coscienza dei rischi e delle possibili soluzioni. Siamo abituati a inserire l’allarme nelle auto o nelle nostre case. Devi comprendere che può essere più semplice e più fruttuoso attaccare una persona digitalmente, prendere e rivendersi i suoi dati, clonare identità e molto altro.

Ci sarebbero altre nozioni da conoscere e, con una semplice ricerca su Google, potrai trovare online molte guide. In futuro scriverò ancora sull’argomento perché non serve a nulla fare una campagna per raccogliere i dati delle persone interessate ai propri servizi o prodotti e poi