fbpx
Support & Downloads

Quisque actraqum nunc no dolor sit ametaugue dolor. Lorem ipsum dolor sit amet, consyect etur adipiscing elit.

s f

Contact Info
198 West 21th Street, Suite 721
New York, NY 10010
[email protected]
+88 (0) 101 0000 000
Follow Us
    

InfoMyWeb

 . Digital Marketing  . Cos’è il Neuromarketing? Scopri come funziona con dei semplici esempi
cos'è il neuromarketing strategie esempi

Cos’è il Neuromarketing? Scopri come funziona con dei semplici esempi

Quanti soldi hai speso, quante campagne pubblicitarie hai organizzato, quanti post hai pubblicato, quante email hai inviato senza ottenere l’effetto voluto, nonostante che la tua proposta di prodotto o servizio fosse ottima, di alta qualità, ad un prezzo giusto? Molto probabilmente la tua proposta, semplicemente, non era convincente.
Ti spiego, semplificando, come funziona il nostro cervello e come essere maggiormente efficaci creando strategie di comunicazione persuasive.

Il Neuromarketing si basa sulle conoscenze acquisite dalle neuroscienze per poter sviluppare una comunicazione più convincente. Sull’argomento, chiaramente, sono stati scritti libri, effettuati esperimenti e pubblicazioni su riviste scientifiche. Difficile riassumere tutto in poche righe.
Il mio obiettivo è di fornirti le informazioni base, con piccoli esempi, in modo che tu possa iniziare subito a comunicare meglio e, se lo ritieni opportuno, potrai decidere di approfondire l’argomento.

Abbiamo tre cervelli

Siamo abituati a pensare al cervello diviso in due emisferi: destro e sinistro. In televisione spesso ci viene mostrato quale aree del cervello vengono attivate in base alle attività che stiamo svolgendo.
Una distinzione che, invece, in pochi conoscono, ma che è basilare per il neuromarketing, è quella che divide il cervello in neocorticale, limbico e rettiliano.

Cervello neocorticale

È la porzione di cervello più “nuova“, in inglese infatti viene chiamato “new brain“. Stiamo parlando della parte razionale, quella su cui abbiamo, o pensiamo di avere, il controllo, ma è quella che